Zecchini (all. Teramo, fine primo tempo): “Fino ad ora ho visto un’ottima Torres che ha saputo mettere in difficoltà la Samb: forse i sardi non meritavano di subire il pareggio. Nel secondo tempo però penso che la Samb possa primeggiare grazie al suo organico migliore. In questo girone di ritorno le partite sono molto più difficili, oggi la Samb sta affrontando una Torres ottima. Il Teramo? Domani, con il Martina, cercheremo di vincere, ma il nostro obiettivo attuale è di entrare fra le prime cinque in classifica, che per noi è un grande risultato. Non pensiamo al primo posto, per il quale sono favorite le squadre di testa: Martina, Pescara e Avellino”.

De Angelis: “Potevamo portare a casa i tre punti, ma dopo l’espulsione di Panetto abbiamo difeso un pareggio che credo giusto. Abbiamo confermato i progressi delle ultime partite ma dobbiamo ancora lottare per evitare i play-off”.

Rinaldo Carta (presidente Torres): “Per noi è un punto pesantissimo e meritato. Ho visto una Torres determinata che poteva vincere, ma dopo l’espulsione abbiamo dovuto accorciare la squadra e siamo stati tatticamente perfetti. Il rigore? Non c’era assolutamente, credo che l’arbitro sia stato tradito dal consiglio del guardalinee”.

De Filippis: “Mi è sembrata una partita un po’ strana, con una Samb giù di tono, diversa da quella abituata a schiacciare l’avversario nella propria metà campo, anche per merito nostro che veniamo da quattro risultati utili consecutivi e negli ultimi tempi abbiamo trovato la nostra quadratura. Ci tenevo a giocare qui, ma la partita si è messa in modo che sono dovuto restare in panchina. Comunque sono contento per la Samb che è sempre in zona play-off”.

Delvecchio: “Il rammarico più grande è quello che non siamo stati cattivi nemmeno questa volta, nonostante la nostra bravura a recuperare il doppio svantaggio e a sfiorare più volte il 3-2. Ci manca quella cattiveria da cinque partite, e purtroppo stiamo perdendo troppi punti. Nonostante questo, abbiamo la fortuna che il Crotone oggi ha perso e abbiamo guadagnato un punto sulla sesta. Ci dobbiamo rimboccare le maniche e provare a vincere fin da Pesaro, altrimenti si respirerebbe un’aria sempre più difficile. Probabilmente andremo in ritiro, non so se la società vorrà che ci andremo da stasera o da martedì, e non so neanche la sede. Non siamo la squadra di due mesi fa che prendeva ‘a schiaffi’ qualsiasi avversario e dettava legge, purtroppo ci mancano alcune componenti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 69 volte, 1 oggi)