Cinque marzo, mercoledì delle Ceneri
L’assessore Silenzi aderisce al digiuno per la pace

L’assessore regionale Giulio Silenzi aderisce al digiuno per la pace promosso dal Santo Padre.
“L’invito di Giovanni Paolo II a digiunare per la pace interpella le coscienze che in questo drammatico momento avvertono il dovere di testimoniare contro la guerra, che è sempre una sconfitta dell’uomo e sciagura che colpisce, in modo ingiusto, i più deboli.
Mi unirò, dunque, a tutti coloro che il cinque marzo, rispondendo all’appello del Papa, digiuneranno per invocare la pace, dire No alla guerra e riaffermare il primato del diritto internazionale sulla forza?.

********

Gentile amico/a,
dal 2000, anno in cui siglammo il gemellaggio tra la nostra diocesi di San benedetto del Tronto e la Prelazia di Marajò, abbiamo individuato nel mercoledì delle Ceneri una giornata di preghiera e di digiuno con la conseguente raccolta di offerte per sovvenire alla necessità dei nostri fratelli brasiliani.
Anche quest’anno vogliamo riproporre questo gesto utile e significativo di solidarietà e fratellanza.

Come al solito, ai sacerdoti sarà inviata una busta che verrà riconsegnata con l’offerta durante la liturgia delle ceneri in cattedrale il 5 marzo alle ore 11 presieduta dal vescovo mons. Gervasio Gestori.

Mentre a tutti i fedeli si chiederà di pregare per la chiesa di Marajò, (seguendo alcune preghiere), di raccogliere le offerte in chiesa durante le celebrazioni ma anche con altre iniziative.
Ogni fedele ha come riferimento la sua parrocchia per versare l’offerta, ma si può usare anche direttamente il c.c.p del Centro Missionario Diocesano o venire personalmente in ufficio in via Madonna della Pietà a san Benedetto del Tronto
L’iniziativa è aperta a tutti coloro che vogliono partecipare, fedeli, parrocchiani, membri di gruppi ecclesiali o movimenti, ma anche semplici uomini di buona volontà.
L’offerta dovrebbe essere il frutto del digiuno.

E’ per noi una gioia grande poter pregare, digiunare e raccogliere offerte per questa popolazione che non conosciamo personalmente ma che sentiamo vicina come nostri fratelli e sorelle. Vivono a 10 mila chilometri di distanza, non hanno ospedali, scuole, lavoro, chiese, sacerdoti ecc. Sono 250 mila abitanti immersi nel verde della foresta amazzonica bisognosi di tutto. Iniziamo questa santa quaresima condividendo con loro qualcosa di noi.

E’ disponibile anche una videocassetta per conoscerli meglio e per vedere il lavoro svolto in quella diocesi missionaria. Inoltre i nostri volontari sono disponibili durante il tempo quaresimale ad animare la vostra realtà.

Per scaricare o vedere il volantino: www.crocesud.it

Il n. di c.c.p: 12314639 intestato a Centro Missionario Diocesano
causale pro -Marajo’

Spunti per la preghiera:
Signore ti preghiamo per la chiesa di Marajò in Brasile e per il suo vescovo
mons. Josè Luis Azcona fa che sentano la nostra vicinanza di fratelli, non
si scoraggino di fronte alle numerose difficoltà e lottino con l’aiuto di
Dio per lo sviluppo cristiano e sociale di quella regione. Preghiamo.

Per la nostra diocesi perchè nel segno di questo gemellaggio con Marajò
sappia crescere nell’attività missionaria, animi e sostenga vocazioni alla
missione, diventi una chiesa aperta ad ogni uomo. Preghiamo.

Per noi che abbiamo tutto, perchè all’inizio di questa quaresima possiamo
mostrarci generosi nei confronti dei nostri fratelli brasiliani di Marajò
che invece non hanno niente, rinunciando a qualcosa per sperimentare la
povertà e condividere con i bisognosi. Preghiamo.

Il Direttore
Don Francesco Ciabattoni

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 92 volte, 1 oggi)