La settimana scorsa, nella “Serata delle Stelle”, abbiamo premiato Marco Taccucci come «difensore giusto al momento giusto». Prima di Imolese-Samb del 3 marzo 2002 (l’inizio delle nove vittorie consecutive di fine campionato), Taccucci aveva disputato appena cinque presenze (alla fine furono quattordici di campionato più quattro dei play-off). Quest’anno, fino ad ora, per Taccucci le cose non sono andate meglio, seppur in una categoria superiore (si ricordi che Taccucci fino a due anni fa giocava in Eccellenza, con il Nestor Marsciano, nonostante a diciotto anni avesse già vinto un campionato di Serie D con l’Arezzo di Serse Cosmi): sei presenze di cui tre da titolare, per complessivi 339 minuti di gioco. Ciò nonostante, si è sempre ben comportato: nella classifica di questo campionato è il quarto giocatore per rendimento (media 6.55), anche se è andato in pagella in sole quattro volte.

Martina-Samb potrebbe essere la partita del rilancio di Taccucci, anche perché in questo momento Pedotti non è al massimo della forma: il difensore ex Brescello si era fatto male sabato scorso in allenamento, e ieri è stato anche colto da un leggero stato influenzale che oggi gli ha impedito di partecipare alla partitella che si è svolta al Riviera delle Palme, anche se, assieme a Delvecchio e allo squalificato Ogliari, ha ricominciato a correre e ad allenarsi a bordo campo. Sia Pedotti che Delvecchio appaiono quindi in ripresa (Franchi è completamente recuperato), ma il loro impiego a Martinafranca è tuttora dubbio. Alla partita del pomeriggio non ha partecipato neanche Fanesi, a riposo precauzionale per un’infiammazione ad un tendine del ginocchio: tuttavia per il Max rossoblù non ci sono problemi in vista di domenica. Assente anche Cottini.

La partita si è conclusa 2-0 per i cosiddetti “titolari”, con reti di Soncin nel primo tempo e di zacchei nella ripresa. Nel primo tempo la difesa era composta da De Amicis a destra, Franchi e Taccucci al centro, Manni a sinistra; il centrocampo dal quartetto Corradi, a sinistra, Filippi e Napolioni al centro e Teodorani a destra; in attacco, Turchi e Soncin. Nella ripresa la Samb ha cambiato volto, alla ricerca di sperimentare soluzioni alternative per l’attacco: fermo restando le due punte Soncin e Turchi, Kanjengele ha giocato come esterno di destra e zacchei come esterno di sinistra. Non sappiamo se queste soluzioni saranno adottate in campo, in qualche occasione, ma c’è da dire che il tentativo di impiegare i giocatori più duttili in più ruoli è necessario in una squadra che, in attesa di Criniti, deve trovare più di una sola chiave di interpretazioni per una partita (si vedano gli assalti a vuoto nelle partite con Sora, Vis Pesaro, Lanciano, Crotone e, in parte, a Taranto).

Dopo la partita i rossoblù sono subito partiti alla volta di Andria, dove trascorreranno un mini-ritiro in vista dell’importante incontro. D’altronde sono giorni di Carnevale, e quindi bisogna rimanere concentrati: per gli scherzi ci sarà tempo martedì grasso…

flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 239 volte, 1 oggi)