L’idea è nata dalla fervida mente di Michele Rossi, grafico grottammarese, in occasione di uno spettacolo di Ballantini al Tara Brooch di Porto d’Ascoli. Dopo le iniziali perplessità dell’artista, il progetto è andato in porto in una mattina di febbraio che ha visto lavorare insieme per un’ora Colella e Ballantini. Il risultato è un acrilico su tela intitolato “Voglio incantare”, che racchiude l’istintività di Ballantini e l’aspetto intimista di Colella fondendoli in un quadro luminoso dai tratti ben delineati.

La collaborazione tra i due artisti, però, racchiude anche l’intento di organizzare una cena di beneficenza in cui mettere all’asta il quadro. Il ricavato sarà devoluto alla “Casa Famiglia Manuela”, che da anni si prende amorevolmente cura di bambini disabili. E, naturalmente, si spera che i numerosi impegni permettano a Ballantini di presenziare alla serata. «Ho vissuto una bellissima esperienza insieme a Dario Ballantini, che si è rivelato una persona dalle grandi potenzialità artistiche e umane.» – commenta Colella – «Spero che il nostro lavoro possa aiutare i bambini della “Casa Famiglia”».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 115 volte, 1 oggi)