Riportiamo di seguito la testimonianza di E.L., che ha assistito alla scena finale in cui una ragazza si è trovata al centro delle attenzioni di alcuni agenti dell’ordine. Ripetiamo quanto scritto nel precedente articolo in questione: non sappiamo se quella ragazza si sia macchiata di reati (avrà scagliato anche lei pietre contro la polizia?), nel qual caso crediamo fermamente che dovesse essere trattenuta o perlomeno identificata e poi punita a norma di legge. Ma se ciò non è avvenuto (ripetiamo: nessuna persona è stata fermata), perché agire in maniera bruta, se poi queste persone sono state rilasciate?

Di seguito la testimonianza di E.L., presente alla “scena finale”:

Quello che ho visto (diciamo la “scena finale”), è stata la ragazza in terra colpita, (le persone che erano vicino, mi hanno detto che era stata tirata giù da uno scooter e picchiata); dei ragazzi che andavano ad aiutarla, e la celere che cercava di circondarla per non fare accostare nessuno. Dopodichè con l’arrivo del sig. Mellozzi sul punto in questione, le cose (per quanto riguarda la ragazza), si sono calmate (presumo dal momento che ero comunque lontano per sentire i discorsi). Naturalmente vicino a me, sulla torretta di nord-est, c’erano almeno altre venti persone, tra cui un ragazzo con una videocamera, con il quale avevo parlato per dei filmati, ne ho perso le tracce (spero che si sia almeno messo in contatto con la tifoseria). Mi piacerebbe poterLe fornire una descrizione più dettagliata di quei fatti, ma, Le ripeto, non ho seguito la scena iniziale. Proverò, nella giornata di oggi, a contattare una persona che, forse, potrà fornirLe una testimonianza più completa.

Cordiali saluti.

E.L.

Chi volesse inviare testimonianze dirette, ci scriva a info@sambenedettoggi.it o flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 70 volte, 1 oggi)