La Regione Marche ha finanziato il progetto di educazione alimentare presentato nel settembre scorso dall’Assessorato alla scuola del Comune.
“In vista dell’introduzione del biologico nei menu serviti nelle mense scolastiche – spiega l’assessore Gabriella Ceneri – abbiamo presentato alla Regione un progetto di formazione – informazione sui cibi biologici articolato in relazione ai destinatari (studenti, famiglie e operatori delle mense). Ciò in coerenza con la nuova normativa regionale che incentiva l’introduzione del cibo biologico nelle mense scolastiche con riferimento ad un progetto di ampia portata, con obiettivi educativi, rispetto all’erogazione di un mero contributo per sostenere i Comuni nella maggiore spesa conseguente all’acquisto di cibi biologici, come avveniva nel passato?.
“Il nostro progetto – dice ancora Ceneri – è stato finanziato con il contributo di _ 6.900, pari al 50% del costo previsto. Le risorse regionali, unitamente ai fondi comunali, ci consentiranno di svolgere una efficace azione formativa, ma anche divulgativa, per educare ad una sana alimentazione. Nel progetto sono previsti incontri con le famiglie, ma anche azioni dirette ai ragazzi, con linguaggio e materiali adatti alla loro età. Inoltre intendiamo sostenere le famiglie nella loro competenza educativa che talvolta, nel campo alimentare, incontra la resistenza tenace di bimbi che mangiano solo ciò che li attira, magari con l’influenza esercitata dalla pubblicità?.
“Con l’introduzione dei cibi biologici nelle mense scolastiche – è la conclusione dell’Assessore alla scuola – abbiamo compiuto un significativo passo avanti, ma naturalmente non basta: occorre la collaborazione delle famiglie nel somministrare cibi sani sulla tavola di casa, dove i bambini consumano la maggior parte dei pasti quotidiani.?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 113 volte, 1 oggi)