La giornata numero diciannove ha portato diverse novità, alcune impensabili. Quello di prima categoria, è sembrato un girone predestinato alla vittoria del Ripatransone. Invece, molte squadre che sono dietro non vogliono rinunciare al piacere di lottare e di mettere in difficoltà chi aveva soltanto immaginato di poter stare tranquillo. Per cui dopo un breve periodo di stand-by, si è ripreso a macinare punti in alternanza con le altre formazioni. Sconfitte e vittorie senza distinzione di blasone, questo a precisare l’equilibrio che vige nel girone. Formazioni che sembravano essere destinate a scomparire dietro se stesse sono rinate per la forza della sopravvivenza, caso Pagliare. Aveva subito dodici sconfitte filate, improvvisamente inanella cinque successi e un pareggio ai danni di squadre dal nome pesante quali: Petritoli e Azzurra Colli. Sostanzialmente un campionato sia in alto che in basso da non sottovalutare ma soprattutto da non prendere alla leggera, le sorprese arrivano quando uno meno se l’aspetta. Basti pensare ai recenti insuccessi di Cuprense, Ripa ed Azzurra Colli.

Il record di imbattibilità casalinga lo detiene il Ripatransone, diciannove successi utili. A ruota anche se in netto distacco c’è la Cuprense che sul proprio terreno di gioco ha conosciuto per nove volte solo successi. Chi detiene il primato esterno è sempre il Ripa, con diciotto vittorie. Domenica scorsa ha subito la prima sconfitta della stagione contro il Petritoli. Al contrario, le formazioni che non riescono a conoscere vittorie al di fuori delle mura di casa sono Grottese (arenata a 10 sconfitte e 2 pareggi) e Azzurra Tirassegno (9 sconfitte). Caso curioso, né Pagliare, né Campiglione, né Azzurra Tirassegno hanno mai totalizzato pareggi esterni. Riviera Samb e Offida sono le formazioni che hanno vinto meno di tutti in casa mentre fuori sono Pagliare, Folignanese e Spinetolese. Chi ha vinto di più nelle gare casalinghe è il Ripatransone seguito dalla Due Emme, fuori è il Campiglione a vantare più successi.

Passiamo alle reti. Complessivamente chi ha l’attacco più prolifico è sempre il Ripa con trentatré segnature, segue il Campiglione con trenta e l’Azzurra Tirassegno (appaiata in quart’ultima posizione) con ventotto. Chi ha la difesa più sbucata è l’Azzurra Tirassegno con trentasei, poi Pagliare con trentaquattro. La formazione che ha segnato meno è la Grottese con tredici reti, a seguire Pagliare e Riviera Samb con quindici. Quella che ne ha subite in minor quantità è il Ripatransone con dodici, seguito dalla Cuprense con quattordici. In casa la squadra più promettente in fase avanzata è sempre il Ripa con venticinque centri, più distanziati Azzurra Colli ed Azzurra Tirassegno con diciannove. In trasferta è il Campiglione a detenere più gol con diciotto, poi il Piazza Immacolata con quindici. Al Riviera Samb non sta a genio il proprio terreno di gioco, solo cinque i centri, Offida (sette) e Spinetolese (otto) coloro che lo imitano. Chi non ha pazienza di segnare in terra avversaria è la Grottese con solo quattro reti e la Folignanese con cinque sulla stesse orme. Infine Pagliare (diciannove) ed Azzurra Tirassegno (quattordici) le squadre che in casa hanno visto più volte violare la porta. Azzurra Tirassegno (ventidue), Piazza Immacolata (venti) e Spinetolese (diciotto) quelle che si sono viste sormontare il proprio portiere più degli altri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 129 volte, 1 oggi)