Gentilissimo Flammini,
sono un 30enne tifoso della samb e ho seguito tutte le trasferte quest’anno
(nonche` negli anni recenti), tranne quelle del lunedi per motivi di lavoro. Mi
volevo ‘sfogare’ per gli ennesimi fatti di violenza che hanno visto coinvolti
ancora una volta dei ‘tifosi’ della samb, stavolta assieme ai loro DEGNI
colleghi pescaresi. Atti di puro e gratuito teppismo che mi fanno vergognare
come un ladro di essere sambenedettese, che nuocciono gravemente all’immagine
della citta’ e alla reputazione di tutta la popolazione. Mi vergogno di questi
ragazzini delinquentelli (ragazzini…ci sono pure molti over 30…che
tristezza!!) che credono di restare impuniti e di essere degli eroi agendo nel
branco. Sono disgustato, mi passa la voglia di andare a vedere la partita se
ogni volta devo rischiare di sfasciarmi la testa e vedere questa gentaglia
all’azione!
Scrivo a lei perche` condivido il suo schierarsi fermamente contro fatti di
questo tipo; devo dire che suoi colleghi di altre testate mi sembra si siano
limitati a commentare l’episodio condannandolo si, ma come fosse un fatto di
cronaca puro e semplice, nella “norma”. Invece e` ora di dire basta! Voi della
stampa avete un potere fortissimo e dovete sfruttarlo in tal senso. Continui
cosi’ Flammini, non manchi di condannare le persone che si rendono responsabili
di certi episodi, non manchi di definirli teppistelli o delinquenti. Questo
sono! Forse con l’aiuto della stampa e degli altri tifosi, quelli veri, la
stragrande maggiornaza, questa gente senza valori e senza onore potra` rimanere
isolata e la smettera’ di infangare il buon nome della nostra citta’… Voglio
ritrovare il gusto di andare alla partita per vedere la mia samb, che tante
emozioni mi regala, tifare per la samb, arrabbiarmi ed esultare per la samb! Ma
quando la partita finisce, qualunque sia il risultato si torna a casa, a volte
sconsolati, a volte ‘esaltati’. Ecco secondo me cosa vuol dire assaporare il
bello di questo sport.
Mi scuso per questo sfogo, ma sono molto amareggiato e sono convinto, mi ripeto,
che voi della stampa potete fare molto. La vostra testata lo sta gia’ facendo e
spero continui a seguire questa linea di ‘durezza’ contro questi falsi uomini duri.
Grazie per avermi concesso il suo tempo. Buon lavoro da un tifoso ‘malato’ di Samb.

Massimo

Ringraziamo il tifoso Massimo. E voi che ne pensate?

flamminipp@libero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 133 volte, 1 oggi)