Primo grandissimo errore: far giocare Pescara-Samb di lunedì sera. Autore: Lega Calcio. Corresponsabili: tutte le società calcistiche che accettano questa gestione idiota, per avere più soldi, per pagare più soldi giocatori che guadagnano dieci volte di più (almeno) di un poro cristo qualsiasi. Continuate così: mille “casi-Fiorentina” vi aspettano, cari signori.

Secondo errore, anche questo culturale: estirpare la piaga della violenza. Il teppista che sfascia auto, che tira pietre contro le vetrine, che fa saltare in aria una toilette con una bomba carta, che tira sassi contro polizia e tifosi avversari, teppisti spesso ubriachi o sotto l’effetto di altre sostanze, deve essere isolato. Finché la mitologia del tifoso-guerriero sarà propagata, il cerchio non si spezzerà. Sta alla maturità dei tifosi più esperti, ultrà o meno, evitare che i giovanissimi (chi adesso ha quindici, sedici, diciassette anni) crescano con questa idea distorta.

Ieri il treno dei tifosi della Samb ha subito una prima sassaiola a Giulianova; si è fermato a Cologna Spiaggia, dove i più furbi hanno caricato sassi da riutilizzare a Pescara. Nel centro abruzzese, i teppisti locali si sono sfogati a lungo con la polizia, mentre fonti nazionali riportano addirittura di un coltello puntato alla gola di un autista da parte di qualche acrobata, chiamiamolo così.

Terzo errore: la gestione dell’ordine pubblico. Per carità, non vorremmo mai trovarci in quelle situazioni: poliziotti assaltati, costretti a guerreggiare per una partita di calcio (!). Eppure troppe volte l’innocente paga per il peccatore. Ieri a fare le spese della rappresaglia delle forze dell’ordine sono stati semplici avventori di bar, qualche anziano tifoso. Addirittura diverse testimonianze di tifosi sambenedettesi assicurano che, al momento della ripartenza del treno straordinario verso San Benedetto, alcuni appartenenti alle forze dell’ordine avrebbero tirato dei sassi contro i vagoni. Varrebbe la pena di indagare, queste sono macchie gravi (ci limitiamo a riportare quello che diverse persone ci hanno assicurato sia accaduto).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 147 volte, 1 oggi)