Il maltempo di questi giorni ha modificato la costa, ma soprattutto le spiagge con detriti, rottami, pezzi di alberi trasportati dai fiumi, sottraendo parte dell’arenile e causando danni alle strutture turistiche. Tutto ciò, fa riaffiorare vecchie questioni riguardanti i lavori sulle scogliere. Nei primi giorni di dicembre si parlava di aumentare le difese tramite il rafforzamento delle scogliere esistenti, questo fu l’esito dell’incontro tra il sindaco Massimo Rossi e l’ingegner Duni, capo dell’ufficio Genio Civile opere marittime di Ancona e l’ing. Mastroberto, direttore dei lavori in corso di svolgimento.
Nella lettera, il sindaco lamentava i gravi episodi erosivi in due punti specifici, proprio dove si sono verificati, creando seri danni allo stabilimento “Bagni Fabio? a causa della risacca. Gli esperti della Regione Marche riferiscono che i motivi sono diversi, le costruzioni immobiliari, i porti, le strutture ricettive, hanno modificato con il tempo il territorio, creando delle interferenze. Il Dipartimento di Protezione Civile ha riconosciuto valide le motivazioni e ha dato il via libera alle pratiche di risarcimento.
*****
Novità per il mercato settimanale di Piazza Carducci (Zona Ascolani). Dai 21 operatori iniziali si passerà a 25, con lo spostamento di parte delle bancarelle da Via Manzoni a Via Dante Alighieri. “Abbiamo raccolto i suggerimenti dei commercianti e degli ambulanti? commenta l’assessore al commercio Adolfo Vespasiani (NELLA FOTO).
L’ampliamento potrebbe avvenire intorno al periodo di Pasqua, quindi questo piccolo mercato rionale potrebbe trasformarsi in un vero mercato settimanale, diventando per i residenti del quartiere una necessità e una comodità.
*****
Altra novità è l’Ostello della Gioventù che sorgerà a ridosso del paese alto di Grottammare, precisamente, nella vecchia struttura dell’ex ospedale Madonna degli Angeli. Il progetto redatto dall’ufficio tecnico del comune, prevede 46 posti letto suddivisi nei due piani superiori, mentre al pianterreno verrà ricavato un refettorio.
I soldi vengono dalle vendita dei beni del disciolto ente Ospedale che con terreni e casolari venduti all’incanto, ha raggiunta la somma di 620 mila euro; serviranno a finanziare il primo stralcio dei lavori. In questo modo il Comune cerca di completare l’offerta ricettiva turistico-alberghiera, colmando il buco del settore giovanile.
Per quanto riguarda la gestione, ci sono due ipotesi, la prima è di affidarla all’Associazione nazionale gioventù, mentre l’altra favorirebbe l’occupazione dei giovani locali con la costituzione di una cooperativa sociale per la gestione diretta. (marco mozzoni)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 245 volte, 1 oggi)