Il IX Stage Internazionale del Sassofono, che si terrà a Fermo dal 13 al 15 dicembre nel Conservatorio “G.B.Pergolesi? è un evento musicale prestigioso e pieno di attrattive per il pubblico appassionato di questo strumento e di musica in genere. Nei tre giorni infatti si potranno ascoltare gratuitamente, nell’Auditorium del Conservatorio, numerosi concerti dei migliori interpreti del sax nell’attuale panorama europeo. Un’occasione unica nelle Marche visto che lo Stage rappresenta un punto di riferimento e ritrovo per eccellenti interpreti dello strumento. Ricco e variegato il programma dei concerti, diretto ad accontentare tutti i palati, anche i più raffinati. Si parte venerdì alle 16.00 con i “Suoni profondi del Sassofono Basso? per l’esecuzione di David Brutti e Filippo Farinelli: La sonorità del sassofono basso rappresenta la profondità e il mistero.
Alle 18.00 Four Ladies Saxophone Quartet, quattro giovani sassofoniste che interpretano la coinvolgente musica della compositrice francese Ida Gotkovsky; in serata recital del sassofonista Fabrice Moretti (Francia) all’insegna del grande virtuosismo, accompagnato dal pianista Paolo Tannini con in programma brani della letteratura del ‘900 francese per sassofono. Sabato 14 in programma “Il sassofono e la chitarra? con Andrea Corradi e François Laurent. Questi due strumenti, in un’accoppiata insolita, si fondono efficacemente in un repertorio particolarmente congeniale e accattivante, di matrice colta ma, al tempo stesso, ricco di contaminazioni e suggestioni di altri “mondi” sonori. Poi l’esibizione di Alfredo Santoloci e Fulvio Falleri; L’Ensemble Italiano di Sassofoni composto da Massimo Mazzoni, Federico Mondelci, Marco Gerboni, Mario Marzi, Paolo Tannini (pianoforte) con musiche di Torke, Davis, Reade, Nyman, Gershwin, Piazzola. Domenica 15 chiusura con l’esibizione di Philippe Geiss (sassofoni) e Emmanuel Séjournè (vibrafono e marimba), concerto ispirato dall’incontro tra il repertorio jazzistico e classico. Lo straordinario talento dei due musicisti francesi ed il fascino dell’originalità dell’organico sassofoni-vibrafono e marimba, rappresentano i giusti ingredienti per la realizzazione di un concerto di altissimo livello.
In programma inoltre rassegne di giovani sassofonisti che interpreteranno brani classici e moderni in formazioni di duo, trio e quartetto

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.204 volte, 1 oggi)