Il tanto “vociferato? parcheggio che dovrebbe nascere sul letto del torrente Albula ha destato pareri contrastanti tra i cittadini e quanti sono interessati al problema. Chi ha piacere di risolvere finalmente la bollente problematica dei parcheggi, chi invece, ha paura che una cementificazione potrebbe provocare conseguenze dannose in caso di abbondanti piogge. In un breve summit tra i negozianti del centro abbiamo chiesto al proprietario di “Vero Uomo? il signor Bruno Vero cosa ne pensasse di tale proposta “sono sicuramente favorevole, perché San Benedetto scarseggia di parcheggi. Quattro-cinque anni fa, se non ricordo male, la vecchia amministrazione voleva costruire nei cantieri dietro al cinema Calabresi un parcheggio rialzato o sotterraneo. Era una buona idea. In mancanza d’altro l’Albula è l’unica soluzione possibile. I pochi posti auto creano disagi per gli abitanti e per noi commercianti?. Della stessa opinione anche il proprietario di “Uomo Colli?, signor Caposcitti “anche io sono d’accordo. I parcheggi sono come acqua nel deserto qui a San Benedetto, e coprire il suddetto torrente è necessario. Non credo possa portare inconvenienti ambientali anche perché non verrebbe del tutto coperto quindi l’acqua avrebbe possibilità di uscire e quindi defluire.? Di tutt’altra opinione il presidente del comitato del “Quartiere Albula Centro? signor Antonino Armata “ la mia posizione è chiara da tempo, sono sfavorevole all’idea dei parcheggi sul torrente. Cemento sopra cemento creerebbe un serpentone di auto non bello a vedersi e tale da aumentare anche l’inquinamento. Preferisco restituirlo ai cittadini rendendolo vivibile magari con una pista ciclabile.? (Ilenia Virgili)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 110 volte, 1 oggi)