IL PROGETTO DI REGIONE E COMUNE DI ANCONA PER MIGLIORARE L’ACCESSO
Il programma, che potrà prevedere un finanziamento di 226.623 euro, contiene le indicazioni del Referente e cioè l’Assessore al Personale nonché Presidente del Comitato Pari Opportunità della Regione Marche, Ugo Ascoli.
L’iniziativa coinvolge due Enti: la Regione stessa e il Comune di Ancona e per la prima volta anche le Organizzazioni sindacali e il Comitato Pari Opportunità hanno individuato e condiviso un’ipotesi comune per l’inserimento nei rispettivi enti.
Gli strumenti, come l’istituzione della banca del tempo e la teleformazione, sono nuovi.
I dati sulla distribuzione femminile per livelli e figure professionali evidenziano difficoltà all’ingresso anche in presenza di un costante incremento dell’offerta di lavoro femminile in generale e nella P.A.
Di fatto, malgrado il crescente tasso di scolarizzazione e le capacità professionali, le donne sono ancora oggi a livelli inferiori di carriera, professionalità e qualificazione.
Il progetto, che sarà valutato da una Commissione presso il Ministero, rientra nell’impegno assunto dalla Giunta Regionale per le azioni positive previste dalla legge 125 del 1991 che hanno una forte attenzione al rispetto della pari opportunità.
Alla redazione hanno collaborato Paola Catalini, Bianca Maria Orciani, Consigliere Regionali di Parità, e Maria Luisa Baroni, Dirigente Regionale.
L’obiettivo è creare alla base le condizioni strumentali di una crescita professionale delle donne verso posizioni di responsabilità, ma anche, con un’azione sul livello apicale, di incidere sull’assetto organizzativo e sulle scelte di gestione del personale. (fb)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 133 volte, 1 oggi)