Diritti che tutti conosciamo e diciamo di avere a cuore ma che, come dimostra la cronaca nera giornaliera, spesso vengono sacrificati in nome degli egoistici interessi degli adulti, con le ben note conseguenze drammatiche che ne derivano. Quindi – per non lasciar passare inosservata la ricorrenza e grazie alla preziosa collaborazione del Cineforum di San Benedetto – per la prima volta sarà proiettato nelle Marche il film “Territori d’ombra” del regista Paolo Modugno.

La pellicola, già proiettata alcuni mesi fa a New York in occasione della conferenza internazionale sui diritti dell’infanzia, narra la vicenda di tre personaggi accomunati da un destino e da un passato di violenza. Su queste tre storie che corrono parallele s’innesta il tema della violenza sessuale sui minori, rappresentato da una famiglia che vive in un profondo degrado culturale e che vende il suo bambino ad un avvocato in cerca di perverse esperienze sessuali.

Dopo la proiezione seguirà un dibattito in presenza del regista e della sceneggiatrice e produttrice del film. Con loro, sono stati chiamati a dare un contributo anche il dirigente del locale Commissariato di Polizia, dottoressa Patrizia Carosi; la dottoressa Giancarla Perotti Barra dell’Ufficio diocesano di pastorale familiare; il neuropsichiatra infantile dott. Maurizio Pincherle e il magistrato dott. Aldo Manfredi. Ovvero personaggi che, nei propri settori di competenza, sono impegnati in azioni di prevenzione e contrasto degli abusi anche sui minori.

L’ingresso è libero e l’assessore Gabriella Ceneri, promotrice dell’iniziativa, invita soprattutto i genitori a partecipare per affrontare un tema tanto delicato e sentito dalle famiglie.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 154 volte, 1 oggi)