Lo stesso amministratore prosegue nel ricordare che attraverso il Bollino Blu si disciplinano le modalità di controllo dei gas di scarico dei veicoli a motore, quindi vivibilità dei centri urbani e tutela della salute dei cittadini.
L’obiettivo è stato raggiunto dalla Provincia di Ascoli, la prima nella Regione Marche, grazie alla collaborazione della Legambiente – sezione di Ascoli, architetto Paolo Prezzavento -, con la concertazione che ha visto presente la Motorizzazione di Ascoli Piceno, le Associazioni Consumatori (Adiconsum, Federconsumatori, Confartigianato) e rappresentanti delle Officine di Revisione della Provincia (Conael, Conapa, Coave, Consav) che hanno firmato un protocollo d’intesa.
A tutt’oggi hanno aderito 43 Comuni tra i quali centri urbani estesi come Ascoli Piceno, Fermo, San Benedetto del Tronto.
Le Officine autorizzate al rilascio del Bollino Blu abilitate dalla Provincia sono circa 40 ed operano sull’intero territorio provinciale. Per avere copia del disciplinare per l’attuazione delle disposizioni in materia di controlli delle emissioni dei veicoli a motore e per la copia della domanda da inoltrare al Settore Trasporti della Provincia di Ascoli Piceno si può consultare il sito Internet: www.provincia.ap.it (cliccando sul Settore Trasporti).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 395 volte, 1 oggi)