L’imputazione contestata era quella di abuso di ufficio in relazione alla delibera del settembre 2000 di concessione degli “spazi acqua” nella piscina comunale alle società richiedenti, atto ritenuto legittimo dalla Pool Nuoto Sambenedettese, che giudicava la suddivisione degli spazi non equa, e quindi fatto oggetto di denuncia.
Con il decreto, dichiarata l’infondatezza del reato, viene accolta la richiesta di archiviazione del Pm e della difesa degli imputati, sostenuta dall’avvocato Giangiacomo Lattanzi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 113 volte, 1 oggi)