Via all’inesorabile piano di ridimensionamento della sanità regionale. L’assessore alla sanità Melappioni ha formulato la sua proposta per ridurre il numero di posti letto nelle Marche, primo passo verso il ‘doloroso’ processo di taglio della spesa sanitaria. Il progetto messo a punto da Melappioni non ha ancora il crisma dell’ufficialità, poiché nei prossimi giorni dovrà attenere il placet della maggioranza, che, al momento, non appare del tutto scontato.

Ecco, in sintesi, i ‘numeri’ del piano predisposto dalla Giunta regionale: saranno tagliati ben 1096 posti letto in tutta la regione, corrispondenti al 16% del totale. La ‘forbice’ colpirà particolarmente i piccoli ospedali e le strutture private, ma non risparmierà il ‘pubblico’, fortemente penalizzato nei reparti di chirurgia generale e ostetricia.

Meno traumatica del previsto la proposta di ‘taglio’ per l’ospedale di San Benedetto: si prospetta una perdita contenuta di posti letto, nell’ordine del 6% (a fronte del 12% del nosocomio di Ascoli, e del 9% della Provincia). Come per tutta la Regione, saranno falcidiati i reparti di chirurgia generale (- 43 posti letto) e ostetricia (-25). Ancor più colpite saranno le case di cura Villa Anna (- 46%) e Stella Maris (-38%), secondo l’indirizzo della Giunta che mira alla riduzione di posti letto soprattutto nelle strutture private.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 109 volte, 1 oggi)