PARDINI 5.5: fino al 92° è impegnato soltanto nelle uscite, e si disimpegna molto bene nelle numerose occasioni in cui è chiamato all’intervento. Ma al secondo e ultimo tiro in porta del Teramo (il primo lo aveva bloccato con facilità), capitola: la fucilata di Molinari, scagliata da oltre trentacinque metri, poteva essere parata?

OGLIARI 6.5: conferma quanto di buono ci ha fatto vedere fin’ora: preciso nelle chiusure sulle avanzate di De Angelis, bravo nell’appoggiare l’azione quando occorre. Una sicurezza.

MANNI 6.5: per lui valgono le stesse parole spese per Ogliari. Se comincerà ad appoggiare di più l’azione offensiva, diventerà perfetto.

DELVECCHIO 7: è una vera diga di centrocampo, contro cui le azioni di Biso&C. si infrangono irrimediabilmente. Quasi impossibile togliergli il pallone dai piedi.

FRANCHI 7: nessun errore, né da matita rossa né da matita blu, per il bravo centrale rossoblù: in anticipo, di testa o nei contrasti è sempre pulito ed efficace.

PEDOTTI 6.5: nel primo tempo ha fatto registrare qualche sbavatura, ma poi, una volta prese le misure ai vari Motta e Morante, non ha concesso loro il minimo spazio, con l’aiuto di una difesa attentissima.

TACCUCCI s.v. (dall’84°): rileva Pedotti nei minuti finali, senza che la squadra ne risenta. Era al suo esordio in C1.

TEODORANI 7: è una costante piacevole di questa squadra. Nel primo tempo pennella una serie di traversoni molto insidiosi, mentre nella ripresa la squadra abruzzese lo ha tamponato meglio, impedendogli di giungere sul fondo.

FILIPPI 6.5: il campo di Teramo non è certamente adatto alle sue caratteristiche. A centrocampo gli spazi sono stretti e manca sempre il tempo di prodigarsi in quelle tipiche aperture che sono a lui congeniali. Tuttavia riesce sempre a semplificare l’azione rossoblù, servendo costantemente il compagno meglio piazzato.

TURCHI 5: il punto interrogativo di questa squadra. L’argentino deve dimostrare in partite come questa di poter essere l’uomo in più di questa squadra; invece è scomparso, l’unico fra i rossoblù che ha perso il confronto diretto con il proprio avversario. Speriamo che si sia trattato di una giornata storta.

SONCIN 7.5 (dal 14° s.t.): dopo trenta secondi dal suo ingresso, prova subito il tiro. Si vede che ha voglia di farsi notare, e all’88° sfodera un’azione da manuale, ‘bevendosi’ tutta la difesa del Teramo in dribbling. Furbo nel tirare di punta per impedire il recupero degli avversari, ruba il tempo anche a Mancinelli che non trattiene il pallone e così, per Fanesi, segnare è un gioco da ragazzi.

FANESI 7.5: un guerriero, il più guerriero in una squadra di combattenti. Sfiora il gol in due occasioni grazie a due gran tiri, poi segna il gol nell’occasione più semplice. Ma il di là della rete, ci preme sottolineare come “Cioffi-gol” stia diventando un punto di riferimento caratteriale in una squadra che, di suo, non sembra difettare sotto questo punto di vista. Contro Carrozzieri e Molinari ingaggia dei duelli fisici corretti ma esaltanti. Peccato che l’intesa fra lui e Turchi sia ancora latente.

SERGI s.v.(dall’89°): entra al posto di Fanesi dopo il gol del vantaggio.

DE AMICIS 7: con un’altra prestazione tatticamente accorta, conferma quanto di buono ha già mostrato a Viterbo, quando ha esordito da capitano rossoblù. Nel primo tempo pennella un paio di cross insidiosissimi, sui quali la difesa del Teramo va in affanno.

MATRICCIANI-COLANTUONO 7: un bravo va ai due tecnici della Samb, che stanno costruendo un gruppo di giocatori grintosi e determinati (le caratteristiche tecniche sono innate), in un momento non certo tranquillo per la Samb. I rossoblù sono una squadra che lotta su ogni metro quadrato di campo e che non butta mai il pallone, in base al dettato di compiere la cosa più semplice in ogni occasione. L’unica incertezza riguarda Turchi, che non ci è sembrato possedere quel carattere necessario per primeggiare in occasioni come quella di oggi. Speriamo di essere smentiti in futuro, ma, ad ogni modo, in panchina ci sono giovani come Soncin ai quali forse difetta soltanto la giusta esperienza della categoria, che si acquisisce col tempo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 239 volte, 1 oggi)