Campionato Nazionale Dilettanti 2000-01: per la Samb di Gaucci l’avvio di campionato è desolante, tanto che nelle prime tre partite i rossoblù raccolgono un solo punto. Campionato di C2 2001-02: un punto nelle prime due partite, sei punti nelle prime sei. Campionato di C1 2002-03: ancora peggio, due sconfitte consecutive all’avvio del campionato. Ma perché questa Samb parte sempre male? Se l’epilogo fosse lo stesso dei precedenti campionati, non ce ne rammaricheremmo. Tuttavia la falsa partenza di quest’anno è forse la meno spiegabile, perché, a differenza delle stagioni precedenti, la società non ha avuto alcuna titubanza o intralcio durante il calcio mercato, confezionando una squadra di buona qualità. D’altro canto, non siamo fra quelli che, fidandosi della cabala, non storcono il naso di fronte alle due sconfitte consecutive, sperando in un finale migliore (cosa sempre possibile ma non ovvia, perché ogni campionato fa storia a sé). La maledizione che sta colpendo le squadre di Gaucci all’inizio di ogni campionato potrebbe spiegarsi con l’impatto negativo della Samb con la categoria superiore, oltre che con il rinnovamento della squadra titolare. D’altronde oggi l’allenatore del Pescara Ivo Iaconi ha candidamente ammesso che la sua squadra, lo scorso anno, avrebbe sicuramente perso una partita come quella di oggi. Perché? “Non avremmo avuto la cattiveria necessaria”, ha detto, stringendo i pungi per mimare la grinta messa in campo oggi dai suoi uomini. Insomma, anche la Samb di Colantuono è alla ricerca di quella scintilla capace di trasformare una buona prestazione in una vittoria. Occorrono convinzione, umiltà, applicazione e anche una piccola dose di fortuna. Che oggi è mancata. scintillamaledizione

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 191 volte, 1 oggi)