per vedere il video clicca sulla destra e attendi qualche secondo per lo spot

riprese e montaggio Maria Josè Fernandez Moreno

il numero di visualizzazioni su YouTube non tiene conto dei video visti direttamente su RivieraOggi.it

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si svolgerà venerdì 5 ottobre, nel pomeriggio, al PalaRiviera di San Benedetto, un convegno organizzato da Green Power Enel, per illustrare alcune novità in ambito di energia rinnovabile, espressamente tramite pannelli fotovoltaici e solare termico. Andrea Verdecchia, responsabile dell’Agenzia Enel Energia di San Benedetto, fa sapere che “Enel si sta indirizzando soprattutto verso il settore domestico, considerando che le imprese si trovano in un momento difficile e ben sapendo che le famiglie potrebbero invece beneficiare facilmente delle opportunità economiche disponibili”.

Dal 2010 il programma dell’Enel in merito al fotovoltaico ha permesso di realizzare circa 5/10 mila tetti mensili, per una potenza complessiva di 13,7 Gigawatt.

Ma cosa accade in pratica? Pensando ad una bolletta di 100 euro mensili che attualmente paga una famiglia italiana, 70 di questi cento andrebbero a finanziare l’impianto mentre altri 80 euro arriverebbero dai contributi statali: “Per chi aderirà ci sarà dunque energia gratuita e un incremento del reddito familiare”. Inoltre c’è anche la possibilità di estendere l’intervento anche nel solare termico, per arrivare fino al riscaldamento. “Enel si occuperà di tutti i passaggi: verifica dell’ubicazione, installazione, procedure, e infine, dopo vent’anni, rimozione e recupero dei pannelli” spiega Verdecchia.

L’incontro del 5 ottobre sarà organizzato assieme al Comune di San Benedetto e all’Assoalbergatori Riviera delle Palme: “Li ringrazio per la loro sensibilità, il nostro sogno sarebbe quello di rendere tutto il lungomare e le strutture turistiche con esso connesse a impatto energetico zero. Sarebbe la prima volta che questa cosa si verificherebbe in Italia con importanti ricadute dal punto di vista dell’immagine turistica, oltre che per l’ambiente, ovviamente”.

(Letto 545 volte, 1 oggi)