SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono state 86 le contravvenzioni elevate sul lungomare nel secondo week-end di giugno, per la mancata esposizione dei ticket indicanti il periodo di sosta sugli stalli blu. Un dato in discesa rispetto a quello riscontrato nel fine settimana passato, quando le multe toccarono quota 110.

Calcoli alla mano, ci è quindi attestati sulle 43 ammende giornaliere, pari ad una media di 2,8 all’ora, considerate le quindici (dalle 9 alle 24) in cui i parcheggi a pagamento sono attivi. Il 2 e 3 giugno le sanzioni furono 55 quotidiane, equivalenti a 3,6 ogni sessanta minuti.

Come al solito, da questa stima vengono lasciati fuori quegli automobilisti – meno di venti, stavolta -che il tagliando l’avevano, ma scaduto, e che quindi potranno regolarizzare la loro posizione versando presso la sede dell’Azienda Multiservizi (parcheggio Stazione) la differenza tra quanto dovuto e quanto già sborsato.

GUADAGNO DI OLTRE 3 MILA EURO L’incasso da parte di Comune e Multiservizi nell’ultimo week-end è stato pertanto di 3.354 euro, che si vanno a sommare ai 4.290 del primo e che toccano i 7.644 euro, totalizzati esclusivamente nei fine settimana.

GRATTINI INTROVABILI Fanno infine discutere i “grattini”, considerati letteralmente introvabili, persino negli stabilimenti balneari. L’accusa generalizzata è che alcuni chalet li tengano da parte per venderli ai soli clienti della struttura.

(Letto 825 volte, 1 oggi)