GROTTAMMARE – L’arte vissuta collettivamente. Si terrà sabato 19 novembre presso la sala Kursaal (primo piano) l’inaugurazione della mostra collettiva “Caleidoscopi dell’Arte” che, sarà aperta al pubblico da domenica 20 dalle ore 10:30 – 12:30 alle ore 17:30-19:30 a venerdì 25 con i medesimi orari. Sabato 26 e domenica 27 l’orario di apertura sarà pomeridiano, dalle 17 alle 19:30.

Di seguito gli artisti che daranno magia alla sala Kursaal per l’anno 2011. Ognuno con il proprio valore aggiunto e specificità. Ma conosciamoli meglio: Sandro Angelini, artista poliedrico. Per l’occasione esporrà quadri realizzati con tecniche differenti, notevoli per originalità espressiva, sicuramente audaci, oltre a scatti fotografici di mari tempestosi accompagnati da suoi delicati testi poetici che rimangono impressi nella mente di chi li legge.

Ezia Castiglioni, fotografa. Di lei hanno scritto: “Ezia dipinge con la luce, ma al posto dei pennelli usa l’obiettivo della macchina fotografica, entra nella natura , la fa risuonare con ritmi di colori e di luci, la ricrea per donare sensazioni nuove”. In questa mostra, proporrà un nuovo ciclo di foto dal titolo “Le passioni della mente” accompagnato da uno scritto dello psichiatra Giuseppe Troiani.

Emilia Baiocchi, pittrice e fotografa. Nelle sue opere il richiamo alla natura è molto forte dai toni sempre delicati, dallo splendore dei fiori alla gioia di una primavera, passando dalla bellezza di un gufo appena uscito dal suo rifugio. La sensazione è di essere avvolti nella bellezza senza tempo di una natura benevola che, non smetteresti mai di ammirare.

Franco Pirzio, rivive e fa rivivere l’epopea delle traversate atlantiche acquerellando i mitici piroscafi del Nastro Azzurro. Usando tecniche iperrealistiche realizza nature morte e, predilige escursioni negli oggetti delle collezioni di vecchi utensili da cucina. Il suo amore ed attenzione alle cose dei bei tempi passati, l’ammirazione per la natura non oltraggiata dalla mano dell’uomo, gli permette di mostrare al pubblico le sue amate colline marchigiane in tutta la loro dolcezza, forme e colori.

Roberto Bugugnoli, fotografo già noto a Bergamo presenterà le sue opere prevalentemente in bianco e nero. Espone come in un taccuino di viaggio i ricordi di paesi lontani, che ha fermato in scatti dove i colori, i profumi, i sapori, i sentimenti e le tradizioni di quei luoghi, restano impressi nei visi di bambini che raccontano la loro unicità.

Un parterre di artisti da non perdere.

(Letto 88 volte, 1 oggi)