per vedere il video clicca sulla destra e attendi 10 secondi per il caricamento dello spot video

riprese e montaggio Maria Josè Fernandez Moreno

SAN BENEDETTO DEL TRONTO  –  Il Circolo nautico di San Benedetto festeggia il suo 44° anno di età e per l’occasione, come di consueto, il presidente Rolando Rosetti, accompagnato dal consiglio direttivo, ha presentato un resoconto della stagione e le novità principali del 2012.

“Tutte le iniziative le facciamo di tasca nostra – precisa Rosetti – questa è un’associazione sportiva senza scopo di lucro e i 700 soci non sono una elite come qualcuno ci ha definito bensì gente che nutre un amore viscerale per il mare”. Un’associazione che oltretutto guarda al futuro e che intende coinvolgere sempre di più i giovani. Tra le tante iniziative del 2011 infatti, sono state organizzate circa 40 manifestazioni tra le quali spiccano quelle rivolte ai ragazzi di tutte le età: Pierin Pescatore, che ha registrato la presenza di 700 bambini, il premio letterario De Nardis per le scuole primarie, i corsi di vela estivi realizzati in collaborazione con Ragn’ a vela ed il circolo tennis Maggioni senza tralasciare, inoltre, le innumerevoli visite all’acquario tattile.

Tre sono le novità previste per il prossimo anno: Velascuola, appuntamenti nelle scuole e in mare, Optimist, la regata nazionale decisiva per l’accesso ai campionati europei e mondiali, e il campionato del Medio Adriatico d’Altura.

Oltre al bilancio, il Circolo nautico non ha fatto mistero di un’altra novità: una collaborazione con Confindustria. Le due associazioni stanno lavorando ad un protocollo d’intesa. Una futura sinergia tra due realtà fortemente legate al territorio e che mirano ad un progetto comune: lo sviluppo del turismo e dell’area portuale.

“Siamo nel bel mezzo di un parco di barche invidiabile – sostiene il presidente degli industriali Bruno Bucciarelli – 700 soci e 500 barche sono una realtà importantissima. Il nostro Circolo vanta di accogliere i suoi soci rispettando la loro situazione sociale e questo è un bene per il territorio. Come gli anglosassoni insegnano è necessario fare business attraverso le culture sportive”

Intanto la stagione sportiva prosegue e a novembre si terrà la terza e quarta tappa del campionato invernale d’Altura.

(Letto 225 volte, 1 oggi)